Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 25 novembre 2012

https://serydarth.files.wordpress.com/2012/11/zanzotto-gadda-e-landolfi.jpg
Giovedì 29 novembre alle ore 21, presso il Piccolo Spazio Interculturale di via Caccia 5, prosegue il percorso attraverso la poesia e la narrativa italiana del ‘900 con l’ultimo appuntamento della serie. Questa settimana ci si avvicinerà ad Andrea Zanzotto, Carlo Emilio Gadda e Tommaso Landolfi attraverso l’appassionata analisi di Luigi Villa Freddi.
Zanzotto, nato a Pieve di Soligo nel 1921 e laureatosi in lettere all’università di Padova nel 1942, è unanimemente considerato dalla critica come uno dei più importanti poeti del secondo Novecento.ù
Nelle sue prime opere, Dietro il paesaggio (Mondadori Milano 1951), Elegia ed altri versi (La Meridiana Milano, 1954), Vocativo( Mondadori, Milano1957), Zanzotto ritorna con continua passione sui fiumi, sui boschi, sui cieli, sulle stagioni dell’amata campagna veneta, esprimendone l’estasiata scoperta attraverso una parola che si fa creazione di analogie e alfabeti metafisici, di tracce dell’assoluto, di verità ricavate e rivelate da nomi e apparenze, mentre il soggetto, ricondotto totalmente al gioco linguistico che lo crea e lo distrugge, è al centro di un’angoscia cosmica di ascendenza leopardiana (cit. www.ilportoritrovato.net)
Gadda è tra i massimi innovatori della narrativa novecentesca, sperimentò uno stile linguistico che fonde in sé lingua nazionale, forme dialettali e usi gergali.
Ambiguo, sfuggente, dissacratore, beffardo, antiborghese, era invece Tommaso Landolfi, scrittore fuori da ogni scuola di pensiero.
Luigi Villa Freddi è editor della Casa Editrice Lampi di Stampa del gruppo Messaggerie, poeta e romanziere egli stesso,
L’incontro è ad ingresso gratuito
Per informazioni: serydarth@yahoo.it o 338.3026884.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: