Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Libri’ Category

https://i2.wp.com/www.altreconomia.it/immagini/thumb_articolo/phpKXvkti2394.jpgINCONTRO CON L’AUTORE

Mercoledì 31 Luglio, ore 19:00 Circolo Pantagruel, Via Giovanni Lanza 28, Casale Monferrato.

Dopo l’incontro la Bottega Equazione di Casale Monferrato offrirà un aperitivo con prodotti equosolidali.

SMARKETING
Un libro per tutti i “piccoli” che hanno grandi cose da dire
Edizioni Altraeconomia

PER INFORMAZIONI

https://www.facebook.com/events/609454865754726/                             Tommaso Zavattaro: 392 35 60 775

IL LIBRO

Smarketing è un libro che non spiega come cambiare il marketing, ma come farne a meno. Un libro per disintossicarsi dal marketing e imparare a comunicare bene con pochi soldi, in modo chiaro, reciproco e leale.

Perché non conviene spendere molto per comunicare nel “frastuono”, ma solo quanto basta per farsi trovare dalle persone, per instaurare con loro un dialogo duraturo e reciproco.

INTERESSA

Tutti coloro che agiscono in ambiti come: l’agricoltura biologica, l’enogastronomia legata al territorio, il turismo sostenibile, l’efficienza energetica, il riciclo, la creatività, il benessere post-consumistico, la piccola distribuzione, l’artigianato (sia antico che digitale). 

https://i1.wp.com/www.geronimi.it/wordpress/wp-content/themes/tempGe/i/geronimi.jpg L’AUTORE

Marco Geronimi Stoll pubblicitario disertore

Studioso del pensiero creativo, autore multimediale, docente universitario di comunicazione umana nei nuovi media, consulente aziendale, ha collaborato con istituzioni nazionali e internazionali, insegnando in 9 università di 4 diversi paesi, pubblicando 16 libri. Affianca le associazioni, il non-profit e quell’ economia senza intermediari che crea valore se crea valori. È fondatore della Rete Smarketing, di professionisti della comunicazione e dell’ etica d’ impresa.

ORGANIZZATO DA

Associazione Serydarth Circolo Pantagruel Equazione   Il Paniere

Read Full Post »

https://serydarth.files.wordpress.com/2012/11/clemente-rebora-e-dino-campana.jpg
Giovedì 15 novembre alle ore 21, presso il Piccolo Spazio Interculturale di via Caccia 5, prosegue il percorso attraverso la poesia e la narrativa italiana del ‘900. Dopo aver analizzato, durante il primo appuntamento, gli autori fondamentali come Pascoli, D’Annunzio e Pirandello, questa settimana ci si avvicinerà alla poesia di Clemente Rebora e Guido Campana attraverso l’appassionata analisi di Luigi Villa Freddi che ha incantato i presenti al primo incontro, coinvolgendoli con le opere degli autori e i racconti della loro vita privata attraverso anche la lettura di brani e poesie recitate in maniera sorprendente.
Clemente Rebora nacque a Milano nel 1885. Educato laicamente secondo i principi mazziniani, visse una giovinezza inquieta alla ricerca di una dimensione trascendente raggiunta (dopo la prima guerra mondiale) nell’ordine rosminiano. Sacerdote dal 1936, si isolò completamente dalla vita culturale tornando alla poesia negli ultimi anni prima di una dolorosa infermità. (cit. www.letteratura.it)
Fra quattro mura / Stupefatte di spazio / Più che un deserto /
Non aspetto nessuno: / Ma deve venire, / verrà, se resisto /
A sbocciare non visto … / Verrà, forse già viene / Il suo bisbiglio
.
(dai Canti anonimi)
Dino Campana è poeta visionario, allucinato, pazzo,orfico, vagabondo,mediterraneo. Così è stato definito spesso dai critici letterari, anche se nessuna di queste definizioni, perché limitano in un ambito troppo angusto la materia dell’arte, è in grado di illuminare chiaramente la vita e la poesia di questo autore vissuto a cavallo fra i due secoli.Campana non si lascia comprendere a pieno né classificare. La sua poesia è moderna ma tuttavia piena di richiami a D’ Annunzio, a Leopardi e ai classici.La sua lingua poetica sconvolge l’ordine sintattico in vari modi, anche mescolando lingue diverse, producendo valanghe di versi la cui coerenza sintattica si ottiene solo sacrificando ogni plausibile significato. Ma Campana è attentissimo conoscitore delle regole che sconvolge, il culto che nutre per la perfezione filologica è testimoniato dalla tragicità con cui visse la perdita del suo manoscritto, Il più lungo giorno,che dovette ricostruire a memoria per formare la sua opera, i Canti Orfici. (cit. www.letteratura.it)
Pace non cerco, guerra non sopporto
Tranquillo e solo vo pel mondo in sogno
Pieno di canti soffocati. Agogno
La nebbia ed il silenzio in un gran porto.
(da Poesia facile, in Quaderno)
Luigi Villa Freddi è editor della Casa Editrice Lampi di Stampa del gruppo Messaggerie (e non del Gruppo Garzanti Longanesi come erroneamente scritto nel comunicato precedente) poeta e romanziere egli stesso.
L’incontro è ad ingresso gratuito
Per informazioni: serydarth@yahoo.it o 338.3026884.

Read Full Post »

https://serydarth.files.wordpress.com/2012/11/la-poesia-e-la-narrativa-italiana-del-900.jpg
In considerazione del fatto che lettori vecchi e nuovi hanno lamentato la difficoltà di individuare i libri più importanti da leggersi, tralasciando quelli che decisamente vengono in seconda o terza battuta, l’Associazione Serydarth ha il piacere di ospitare Luigi Villa Freddi editor della Casa Editrice Lampi di Stampa (gruppo Garzanti-Longanesi) poeta e romanziere egli stesso, che traccerà un percorso attraverso la poesia e la narrativa italiana del ‘900, capace di indicare quei libri assolutamente imperdibili che diano vita ad un affresco della letteratura del secolo appena trascorso.
Gli incontri saranno quattro, a cadenza settimanale e ad ingresso gratuito, a partire dall’8 novembre alle ore 21, e per tutti i giovedì di novembre. Si terranno nel “salotto” del Piccolo Spazio Interculturale di Via Caccia 5 a Casale Monferrato.
https://serydarth.files.wordpress.com/2012/11/luigi-villa-freddi.jpgLuigi Villa Freddi è nato nel 1949 a Casale Monferrato ed è vissuto per più di vent’anni a Milano. Si è laureato in Lettere Moderne alla Università Statale di Milano con una tesi di Critica d’Arte sugli scritti di Umberto Boccioni. In poesia ha pubblicato: VARIAZIONI SU LA NOTTE, Milano, 1985, ed. Crepuscule, con una prefazione di Giovanni Raboni, finalista al premio Camaiore, nella sezione Proposta, per l’opera prima. LA SPINA VELENOSA, s.i.l., ed. Borromini Arte, con una prefazione di Tomaso Kemeny e immagini del pittore Paolo Baratella, terzo classificato al Premio Nazionale Delta Poesia a Rosalina di Rovigo. APPUNTI PER UN CANZONIERE, Bergamo, 2011, Signum Edizioni d’Arte, con immagini del pittore Giulio Astengo. In prosa ha pubblicato: COLOTT’IS BAND, Milano, 2004, ed. Lampi di Stampa. COME IN UNA STANZA BUIA, Milano, 2006, ed Lampi di Stampa. LA’ DOVE LA LUCE E’ PIU’ FORTE, Milano, 2008, ed Lampi di Stampa, con lo pseudonimo di Olivier Cros. Ha inoltre collaborato in qualità di critico musicale dal 1978 al 1986 con la rivista MUSICA JAZZ, collaborazione ripresa lel 2012. Attualmente collabora con la Casa Editrice Lampi di Stampa in qualità di consulente e dirige la collana POESIA.
Per informazioni: serydarth@yahoo.it o 338.3026884

Read Full Post »

https://serydarth.files.wordpress.com/2012/09/del-leggere-al-cesso.jpg
Mercoledì 5 settembre, alle 21 al Piccolo Spazio Interculturale di via Caccia 5, siete invitati alla lettura-dissertazione-rituale-performance di un brano di Henry Miller tratto dal suo libro “I libri nella mia vita” dal titolo “del leggere al cesso“.
Un tema che riguarda un’abitudine assai diffusa e sulla quale è stato scritto ben poco a proposito di questo momento di beatitudine dove almeno una volta nella giornata uno è solo con se stesso.
Lo svuotamento delle budella sembrerebbe a prima vista, la cosa più facile e naturale del mondo attraverso cui la natura altro non ci chiede che arrendevolezza ma che invece diventa un problema metafisico.
Ovviamente la lettura e l’ascolto verranno effettuati nell’enorme bagno del Piccolo Spazio Interculturale, che già fu luogo di un incontro del gruppo di conversazione di inglese e di una cena.
L’evento segna l’apertura della stagione dell’Associazione Serydarth 2012-2013 e a quanto pare, ne caratterizzerà il destino… Effettuata senza scopi alti, educativi, o espressivi ma semplicemente per il puro divertimento.
Ingresso 3€ con bicchiere di vino omaggio, gratuito per i tesserati. Info serydarth@yahoo.it

Read Full Post »

 
Sciamanager * Massimo Borgatti
La via energetica alla leadership tra sciamanismo e management
Il Punto d’Incontro NFP. Le chiavi del successo
 
    “Questo libro nasce in un bosco, su una montagna, tra sole e vento”
Il manager ricerca l’efficacia personale e del proprio team in un contesto competitivo, senza perdere l’attenzione per il benessere delle persone. Abituato a raccogliere la sfida di perseguire obiettivi ambiziosi con risorse limitate in un sistema economico e relazionale sempre più competitivo, complesso e mutevole, il manager affronta la realtà con pragmatismo, concretezza e con i piedi ben radicati a terra.
Lo sciamano vede l’essere umano come un campo energetico immerso in un misterioso universo di energia. Sapendo che l’unica via per esprimere al meglio il proprio potenziale e raggiungere consapevolezza e libertà è quella di usare in maniera “impeccabile” la propria energia, lo sciamano affronta il mistero con disciplina, strategia e con i piedi ben radicati a terra.
Dal dialogo tra il manager e lo sciamano nasce questo percorso di crescita professionale e personale: Sciamanager, un cammino verso l’efficacia e la libertà, attraverso la piena espressione del proprio potenziale. La mappa di questo viaggio, descritta in questo originale manuale teorico-pratico, è il collaudato modello ENERGY, FOCUS, FLOW adottato con successo dall’autore nel corso di corsi, incontri e seminari: Energy – la padronanza dell’intento; Focus – la padronanza della consapevolezza; Flow – la padronanza della trasformazione.
  
  “Ogni gruppo consolidato e quindi ogni organizzazione può essere considerata come un’entità energetica. Lenergia di un’organizzazione, sulla falsa riga di quanto osservato per il singolo, si esprime (si accumula, fluisce e si consuma) su quattro differenti livelli”
    KarmaStampa
 

Read Full Post »

Vegagenda 2011

 
Vegagenda 2011
Edizioni Sonda
 
    “Hernan pronunciò mentalmente l’elogio funebre della topolina: ‘Che ne sanno di quelli come te gli studiosi, i filosofi, i leader di questo mondo?”
Per tutti i vegetariani e i vegani e per coloro che amano gli animali e sono sensibili alle tematiche animaliste, torna la Vegagenda, l’agenda dalla parte degli animali che aiuta a capirli e cambiare le nostre abitudini.
Con una grafica rinnovata e coloratissima, la Vegagenda è uno strumento indispensabile per adottare, giorno dopo giorno, uno stile di vita meno invasivo ed ecologicamente più sostenibile.
 
• Un’introduzione di Roberta Kalechofsky, scrittrice ebrea americana, docente alla University of Connecticut e al Brooklyn College, nonché femminista e sostenitrice dei diritti animali e del vegetarianesimo. A ottobre 2010, Edizioni Sonda le consegnerà il premio internazionale Empty Cages Prize, come “riconoscimento ai principali ambasciatori dei diritti animali nel mondo”.
 
• Le principali ricorrenze del mondo veg e animalista e, ogni settimana, una ricetta regionale italiana rivisitata in chiave vegan.
 
• L’inserto a colori Dolcezze vegan: ricette golose e invitanti con il pregio della leggerezza, tratte da La cucina etica dolce di Dora Grieco e Roberto Politi.
 
• Un ampio inserto a colori con l’indirizzario aggiornato di ristoranti, locali e negozi di alimentazione in Italia dove poter consumare o acquistare piatti vegan. Selezionati e garantiti, i ristoranti segnalati sono suddivisi in diverse categorie: 100% vegan, vegan con alcuni piatti vegetariani, vegetariani con un’offerta di piatti vegan, macrobiotici, etnici con piatti vegan, classici con alcuni piatti vegan. 
    KarmaStampa
 

Read Full Post »

 
Miti e Leggende Pellerossa. Calendario Pellerossa 2010 * E. S. Curtis
Storie tramandate di padre in filgio per innumerrevoli generazioni
Il Punto d’Incontro – Saggezza Pellerossa
 
    “Prima che coloni e missionari arrivassero, in America esistevano centinaia di tribù, clan e popoli dalle credenze e dai costumi più svariati”
Un calendario che raccoglie una serie di fotografie d’epoca scattate da E. S. Curtis, che portò avanti, a cavallo tra ‘800 e ‘900, una serie di spedizioni per catturare le immagini di un popolo il cui destino si avviava al crepuscolo. Fissò in una serie di fotografie tutti gli aspetti della vita e della cultura indiana, inseguendo la storia di tribù che presto non ci sarebbero state più. Le sue immagini hanno mantenuto intatta la loro bellezza, e ancora oggi ci restituiscono un’immagine viva e affascinante della cultura pellerossa. In allegato a Calendario pellerossa 2010 troverete “Miti e leggende pellerossa – Storie tramandate di padre in figlio per innumerevoli generazioni”. 
    “Un’anziana donna che stava male da molto tempo era diventata così emaciata e debole che tutti pensavano sarebbe morta, e l’unica cosa che poteva salvarla era il tabacco. La donna era molto amata da tutti gli uomoni e gli animali, e la sua condizione li preoccupava molto”.
    KarmaStampa
 

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: