Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘meaning essentially acting’

 Testo italiano, in basso
————————————-

Meaning of KarmaYoga
:
Karma Yoga is essentially Acting, or doing one’s duties in life as per his/her dharma, or duty, without concern of results – a sort of constant sacrifice of action to the Supreme. It is action done without thought of gain. In a more modern interpretation, it can be viewed as duty bound deeds done without letting the nature of the result affecting one’s actions. It is said that the results can be of three types – as aimed for, opposite of what is aimed for, or a mixture of these. If one can perform his duties without anticipation of the result of his actions, he is bound to succeed. It includes, but is not limited to, dedication of one’s chosen profession and its perfection to God. It is also visible in community and social service, since they are inherently done without thought of personal gain.

Allocated work done without expectations, motives, or thinking about its outcomes tends to purify one’s mind and gradually makes an individual fit to see the value of reason and the benefits of renouncing the work itself.

Significato di Karma Yoga:
Finora ho cercato di esporti alcune cose, di tracciare una linea di demarcazione tra il corpo e l’anima e di ricordarti il tuo dovere di guerriero. Lascia, ora, che ti spieghi Karmayoga (il metodo dell’azione). Chi pratica Karmayoga non incontra alcun ostacolo. Ciò non ha niente a che fare con i cavilli. Deve essere tradotto in azione ed esperienza. Un’oncia di pratica è più proficua di tonnellate di ragionamenti. E anche questa pratica non deve essere viziata da speculazioni Sui suoi frutti. I sostenitori della lettera compiono riti vedici diretti all’acquisizione di ricompense materiali. Se un rito non produce i frutti sperati, loro ricorrono a un altro rito e, nuovamente delusi, ne praticano un terzo. E in tal modo sono preda di una grande confusione mentale. In effetti dobbiamo compiere il nostro dovere senza preoccuparci minimamente dei frutti della nostra azione. Combattere è il dovere che devi assolvere in questo momento. Vincere o perdere, la sconfitta o la vittoria, non dipendono da te. Perche dovresti sopportare l’inutile fardello di queste preoccupazioni e somigliare al cane che cammina sotto un carro e immagina di essere trainato da se stesso invece che dai buoi? Il successo e l’insuccesso, il caldo e il freddo, il piacere e il dolore vanno e vengono e bisogna sopportarli. Senza preoccuparsi del frutto dell’azione, un uomo deve dedicarsi all’adempimento del proprio dovere con equanimità. Questo è yoga, o l’abile padronanza dell’azione. Il successo di un’atto sta nel compimento, non nel suo esito, qualunque esso sia. Perciò sii calmo e assolvi il tuo dovere senza legami.

Sentendo tutto questo Arjuna dice: “La linea di condotta che hai disegnato sembra superiore alle mie forze. Non preoccuparsi del successo o dell’insuccesso, non sprecare neanche un pensiero per il risultato, come è possibile raggiungere una tale equanimità e una tale saldezza di spirito? Come si comporta un uomo con simili qualità, e come possiamo riconoscerlo?.

Il Signore replica: “O re, quando si rinuncia a tutti i desideri che tormentano il cuore e la mente e quando si è appagati in se stessi, ecco quel che si dice sthitaprajna o samadhistha (essere consolidati in spirito). Un simile uomo non è turbato dalle sofferenze, e non brama la felicità. Solo i cinque sensi sentono piacere e dolore. Perciò questo saggio uomo ritrae i suoi sensi lontano da questi oggetti dei sensi, come fa la tartaruga con le sue membra. La tartaruga si ritira nel suo guscio quando avverte il pericolo. Però, nel caso degli esseri umani, i sensi sono pronti ad attaccarsi agli oggetti dei sensi in ogni momento, per questo i sensi dovrebbero sempre essere ritratti, e pronti a combattere contro gli oggetti stessi.

 

Annunci

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: