Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2012

Si è svolta lo scorso week end ad Alessandria la prima nonConferenza Nazionale di Coworking e lavoro, e a Casale Monferrato subito approda l’opportunità, offerta dall’Associazione Serydarth, di condividere degli spazi ad uso di ufficio.
https://i1.wp.com/parlatodesign.com/wp-content/uploads/2010/07/coworking3.jpgMa cos’è il Coworking? Secondo Wikipedia il coworking è uno stile lavorativo che coinvolge la condivisione di un ambiente di lavoro, spesso un ufficio, mantenendo un’attività independente. A differenza del tipico ambiente d’ufficio, coloro che fanno coworking non sono in genere impiegati nella stessa organizzazione. Attrae tipicamente professionisti che lavorano a casa, liberi professionisti o persone che viaggiano frequentemente e finiscono per lavorare in relativo isolamento. L’attività del coworking è il raduno sociale di un gruppo di persone che stanno ancora lavorando in modo indipendente, ma che condividono dei valori e sono interessati alla sinergia che può avvenire lavorando a contatto con persone di talento.

Alcuni spazi di coworking sono stati sviluppati da imprenditori di Internet nomadi alla ricerca di un’alternativa al lavorare nei bar e nei caffé, o all’isolamento in un ufficio proprio o a casa. Un sondaggio del 2007 mostrava che molti dipendenti si preoccupano della sensazione di essere isolati e di perdere l’interazione umana se dovessero telelavorare. Circa un terzo di lavoratori pubblici e privati ​​del settore riferiva inoltre di non volere rimanere a casa durante il lavoro. Il coworking offre una soluzione al problema dell’isolamento, che tanti freelance sperimentavano lavorando in casa, mentre al stesso tempo permette loro di sfuggire alle distrazioni dell’ambiente domestico.

Oltre a ciò, importante è anche il risparmio economico che il coworking offre, soprattutto in questi tempi di cambiamenti. L’affitto di un ufficio è impegnativo, per le spese del contratto, il costo di locazione alto, l’acquisto delle attrezzature e le tasse varie. Con il coworking tutte queste spese sono condivise, o a carico di chi offre gli spazi, dando la possibilità anche a chi comincia la propria attività, ha bisogno di un ufficio, ma non può ancora permetterselo.
http://coworkingproject.files.wordpress.com/2009/06/immagine-37.pngA Casale Monferrato, l’Associazione Serydarth offre un’opportunità vantaggiosa di utilizzare uno spazio adibito ad ufficio, per una o due persone, con la possibilità di usare l’uso anche spazi, quali la cucina, bagno, la sala per gli incontri e di incontrare, durante le pause alcuni ospiti internazionali dell’Associazione, spesso liberi professionisti, freelance, manager, persone di talento che amano condividere le loro conoscenze.
A parte una spesa di condivisione dell’affitto, tutte le altre spese quale rifiuti, servizio elettrico, acqua e gas, tasse varie e altri costi di gestione resteranno a carico dell’Associazione e sarà possibile valutare insieme le esigenze personali di ognuno.
Chi è interessato può contattare l’associazione tramite serydarth@yahoo.it via mail o su facebook, o ai numeri 349.5250560
Annunci

Read Full Post »

https://serydarth.files.wordpress.com/2012/09/colazione-marchigiana.jpg
Dopo la pausa estiva, ritorna l’appuntamento con il  mercatino biologico di Piazza Mazzini, “Il Paniere” e come di consueto, l’appuntamento con le “Colazioni d’Italia” del Piccolo Spazio Interculturale, sito in via Caccia 5, a Casale Monferrato.
Questa volta, dalle 9 alle 14 di sabato 15 settembre, l’appuntamento è dedicato alla “Colazione Marchigiana“.
Le Marche, regione dell’Italia centrale furono abitate nell’antichità per la quasi totale interezza dai Piceni, con gli importanti centri di Novilara (nei pressi di Pesaro), Ancona, Belmonte Piceno, Ascoli Piceno. Nel IV secolo avanti Cristo, l’area settentrionale, fino al fiume Esino, venne invasa dai Galli Senoni, mentre i Greci di Siracusa fondarono la colonia di Ancona. La Regione visse allora un periodo di dualità culturale ma anche sociale ed economica, ancor oggi rintracciabile nelle lingue locali.
Con sottofondo di musiche tradizionali marchigiane, si potranno degustare
  • Crescia sfogliata di Urbino con erbe di campo
  • Cremini (crema pasticcera impanata)
  • Caffè, te o latte
La Crescia sfogliata di Urbino lavorata e cotta a mano, già nel XV-XVI secolo imbandiva le tavole dei Duchi del Montefeltro. La tradizione, tramandata di generazione in generazione, vuole che la Crescia sfogliata venga prodotta con materie prime selezionate quali la farina e le uova che vengono impastate con l’aggiunta di sale e pepe fino ad ottenere un impasto morbido che viene porzionato e steso in sfoglie sottili. La Crescia viene cotta su piastre roventi a mano una ad una per seguire la cottura e mantenere la fragranza.
La leggenda invece narra che il sole, sedotto dalla bellezza di Urbino, un giorno volò tanto in basso da impigliarsi in uno dei torricini del palazzo Ducale. Fu la forma infocata dell’astro e le stille d’oro che ne cadevano, mentre cercava di liberarsi, ad ispirare ad una giovane fornaia, detta la Fornarina, una focaccia sfogliata. Questa, per la leggera lievitazione e il desiderio di volare in alto, fu chiamata “Crescia”.
Per partecipare alla colazione non è necessario prenotare. Ai partecipanti verrà suggerito un contributo di sottoscrizione di 4€.
Informazioni al 349.5250560 o serydarth@yahoo.it

Read Full Post »

https://serydarth.files.wordpress.com/2012/09/del-leggere-al-cesso.jpg
Mercoledì 5 settembre, alle 21 al Piccolo Spazio Interculturale di via Caccia 5, siete invitati alla lettura-dissertazione-rituale-performance di un brano di Henry Miller tratto dal suo libro “I libri nella mia vita” dal titolo “del leggere al cesso“.
Un tema che riguarda un’abitudine assai diffusa e sulla quale è stato scritto ben poco a proposito di questo momento di beatitudine dove almeno una volta nella giornata uno è solo con se stesso.
Lo svuotamento delle budella sembrerebbe a prima vista, la cosa più facile e naturale del mondo attraverso cui la natura altro non ci chiede che arrendevolezza ma che invece diventa un problema metafisico.
Ovviamente la lettura e l’ascolto verranno effettuati nell’enorme bagno del Piccolo Spazio Interculturale, che già fu luogo di un incontro del gruppo di conversazione di inglese e di una cena.
L’evento segna l’apertura della stagione dell’Associazione Serydarth 2012-2013 e a quanto pare, ne caratterizzerà il destino… Effettuata senza scopi alti, educativi, o espressivi ma semplicemente per il puro divertimento.
Ingresso 3€ con bicchiere di vino omaggio, gratuito per i tesserati. Info serydarth@yahoo.it

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: